L’assistente di JK Rowling “scialacqua soldi” (non suoi) in cosmetici e profumi: la scrittrice la licenzia


LONDRA. JK Rowling va alla guerra contro la sua assistente personale. La celebre scrittrice britannica e “madre” di Harry Potter ha denunciato Amanda Donaldson, 35 anni di Coatbridge, che ha lavorato con e per lei dal 2014 fino all’inizio dell’anno scorso. Motivo: Donaldson avrebbe speso quasi 24mila sterline (circa 30mila euro) dei soldi della scrittrice in trucchi, profumi, colazioni e altre spese personali. Denaro che invece erano destinati alle attività di Rowling.

Rowling avrebbe scoperto il presunto misfatto solo a febbraio 2017 e, dopo qualche mese e alcune verifiche interne, ha licenziato e poi ha denunciato la donna. Donaldson dice di essere innocente, ma, secondo le carte processuali, Rowling sembra avere nel dettaglio la lista della spesa della sua ex assistente: con i soldi della scrittrice, Donaldson avrebbe speso negli anni quasi 4mila sterline in cosmetici da Molton Brown, oltre 2000 dal negozio di articoli da regalo Paper Tiger, circa 1500 da Jo Malone e così via. Tutte spese che non sarebbero state rendicontate.

Non solo: secondo Rowling, Donaldson le avrebbe rubato anche numerosi cimeli autografati di Harry Potter. Questo perché la donna gestiva anche le richieste dei fan per ottenere alcuni giocattoli originali e speciali della famosissima serie. Avrebbe sgraffignato, tra le altre cose, anche un modellino di treno Hogwarths Express motorizzato da circa 500 sterline.

La sentenza dovrebbe arrivare nei prossimi mesi. In ogni caso, 24mila sterline in meno non cambieranno certo la vita di Rowling. Dopo il colossale successo di Harry Potter, la grande scrittrice, una delle donne più ricche al mondo, ha un patrimonio stimato di oltre 700 milioni di sterline.
 


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


LINK UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/esteri/rss2.0.xml