“Salvini usa il rosario come un’arma”, il sindaco di Siracusa contro il ministro


SIRACUSA – Non ha salutato il ministro dell’Interno Matteo Salvini arrivato a Siracusa domenica e adesso lo critica per quel rosario esibito sul palco, mentre centinaia di persone lo contestavano. Il sindaco Francesco Italia è irritato e non lo nasconde: “Li, accanto alle sacre pietre di una delle più antiche testimonianze di tempio dorico d’occidente, i presenti sono stati blanditi con la retorica della famiglia tradizionale, dell’immigrato stupratore e, dulcis in fundo, con un rosario baciato più volte ed esibito come un’arma da fuoco”, ha scritto il primo cittadino su Facebook.

Italia parla, riferendosi al ministro, di vista di “carattere politico” e non istituzionale. Si dice preoccupato per gli episodi di razzismo che si verificano nel Paese, l’ultimo a Napoli.  

“Tutto questo non ha nulla a che fare con le istituzioni – dice il sindaco -, con la fede cristiana e con i valori della nostra costituzione. Non ha nulla a che fare con la fascia che mi onoro di indossare, con i servitori dello stato che hanno sacrificato le proprie vite per il nostro Paese e con quell’idea di politica come “servizio” a cui Papa Francesco spesso fa riferimento. Chiunque semina odio, divisione, paura è nemico dei nostri giovani e del nostro futuro”.


LINK UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/politica/rss2.0.xml