Un nuovo minerale sulle Dolomiti trentine, si chiama fiemmeite


TRENTO – Si chiama fiemmeite una nuova specie mineralogica scoperta dai ricercatori del Muse di Trento, che prende il nome dalla località dove è stata rinvenuta, la Val di Fiemme in Trentino. Il riconoscimento è di straordinaria rilevanza se si pensa che è da due secoli che sulle Dolomiti non avveniva la scoperta di una nuova specie di minerale, sottolinea il Muse.
“Fino a oggi, i minerali noti alla scienza sono poco più di 5.000 – spiega Paolo Ferretti del Muse – non molti se paragonati alle specie viventi, che sembrano essere alcuni milioni. Trovare una specie mineralogica nuova è un evento molto più raro, dunque, rispetto a scoprire un nuovo essere vivente. Ad aggiungere eccezionalità a questo ritrovamento è il fatto che la fiemmeite proviene da un territorio, come quello dolomitico, in assoluto tra i più studiati al mondo. È dal 1815, infatti, che sulle Dolomiti non veniva riconosciuto un nuovo minerale”.

Con l’identificazione della fiemmeite un ulteriore elemento di unicità – questa volta mineralogica – si aggiunge a quelli di carattere geologico, paleontologico, geomorfologico e paesaggistico, sui quali si fonda il riconoscimento delle Dolomiti quali Patrimonio mondiale dell’umanità.

La scoperta e lo studio sono stati condotti dai ricercatori del Muse Paolo Ferretti e Ivano Rocchetti, assieme ai colleghi dell’Università di Milano Francesco Demartin e Italo Campostrini, grazie alla guida di un appassionato cercatore di minerali del posto, Stefano Dallabona (Gruppo Mineralogico Fassa e Fiemme). L’ufficializzazione è avvenuta da parte della commissione dell’Ima (International Mineralogical Association) che presiede alla nomenclatura e alla classificazione di nuovi minerali (Cnmnc).


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


LINK UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/scienze/rss2.0.xml