Un’isola danese per confinare i migranti respinti


Un’isola nel mezzo dell’arcipelago danese dove confinare i migranti che hanno compiuto un reato e quelli ai quali è stata rifiutata la richiesta d’asilo, in attesa di rispedirli a casa loro. E’ l’ultima trovata della coalizione conservatrice e d’estrema destra del governo di Copenaghen, per inasprire le politiche di accoglienza del Regno in previsione delle legislative del prossimo 17 giugno.

L’isola si chiama Lindholm, dista un centinaio di chilometri dalla capitale e ha una superficie di appena sette ettari. Come se non bastasse, dal secolo scorso è la sede di un piccolo centro di ricerca veterinaria, che lavora in particolare sul virus della rabbia canina e su quello della peste suina. Ed è per ora collegata alla terra da un ferry che si chiama Virus.

Il principale obiettivo è trasferire i migranti con precedenti penali dal centro di Kærshovedgard, nella provincia dello Jutland, dove erano arrivati da Copenaghen suscitando la collera degli abitanti della regione. Sarà l’amministrazione penitenziaria a gestire la nuova struttura sull’isola, che ospiterà al massimo 125 persone, le quali vivranno sotto il controllo permanente della polizia.

Ma il ministro delle Finanze Kristian Jensen ha precisato che non sarà una prigione e che un traghetto consentirà ai nuovi ospiti di Lindholm di recarsi sulla terra ferma, pur dovendo tornare sull’isola la sera. Prima del loro arrivo, ha poi aggiunto Jensen, i locali dove ancora si svolgono ricerche sui virus saranno decontaminati.


Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica


LINK UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/esteri/rss2.0.xml