WhatsApp, ecco le risposte private nelle chat di gruppo


NEL pieno della sua trasformazione, WhatsApp continua ad articolare in modo sempre più dettagliato le proprie funzionalità. E, spesso, a cercare di rendersi meno invasivo e più personalizzato per il miliardo e mezzo di utenti che lo usa ogni mese. Dopo l’introduzione degli sticker, le collezioni di adesivi, e l’annuncio della pubblicità per il prossimo anno, sull’app controllata da Facebook arriva una funzionalità molto attesa. Che di fatto ibrida quanto era possibile fare con le liste broadcast ai famigerati gruppi dell’applicazione.
 

In pratica sta per essere lanciata la “risposta privata”. La funzione, individuata nella versione 2.18.335 dal sempre ben informato WABetaInfo, potrebbe essere diffusa a tutti con le versioni successive visto che la 335 sembrerebbe già superata dalla presenza di un bug che andrà dunque rapidamente eliminato. In ogni caso, si tratta di una possibilità molto attesa, specialmente da chi mal sopporta il caos che di solito si crea nei gruppi, da quelli scolastici a quelli delle attività sportive fino a quelli degli amici e della famiglia. Ogni utente potrà così replicare a uno specifico utente se ha qualcosa di specifico da dirgli. Aprendo dunque un’altra conversazione, parallela a quella collettiva. Tutto più rapido, direttamente dall’interno della chat e tenendo premuto il palloncino con il messaggio, senza dover tornare indietro e lanciare una nuova chiacchierata.
 
Selezionando il messaggio dell’utente si aprirà dunque una nuova icona ”Reply privately” (che in italiano dovrebbe diventare ‘rispondi in privato’): si spalancherà una nuova finestra di conversazione con il partecipante selezionato. Una vera benedizione che si spera renderà meno contorte le vicende che si snodano nei diversi gruppi WhatsApp in cui ciascun utente è coinvolto. La funzionalità si potrà sfruttare anche per i gruppi con impostazione di invio messaggi solo per gli amministratori” e si potrà attivare non solo nei gruppi chiusi ma anche su quelli aperti.

Noi non siamo un partito, non cerchiamo consenso, non riceviamo finanziamenti pubblici, ma stiamo in piedi grazie ai lettori che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il nostro sito o si abbonano a Rep:.
Se vi interessa continuare ad ascoltare un’altra campana, magari imperfetta e certi giorni irritante, continuate a farlo con convinzione.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo
Abbonati a Repubblica




LINK UFFICIALE: http://www.repubblica.it/rss/tecnologia/rss2.0.xml